21 Partners, il colosso di Alessandro Benetton da un miliardo e 200 milioni

Alessandro Benetton

21 Partners resta la vera creatura del rampollo di casa Benetton, Alessandro Benetton, con partecipazioni che spaziano da PittaRosso a Forno d’Asolo

Entrare nel capitale di varie imprese, favorirne la crescita e poi, dopo un certo periodo, uscire rivendendo le proprie partecipazione. In estrema sintesi, è l’attività di “private equity” e la specializzazione di “21 Partners”. La società, fondata nel 1992 da Alessandro Benetton con il nome di “21 Investimenti”, è uno dei leader italiani nel campo: negli anni ha acquisito una dimensione europea, aprendo “filiali” in Francia (nel 1998) e più di recente in Svizzera (2011) e in Polonia (due anni fa). Ad oggi conta 50 dipendenti distribuiti tra gli uffici di Treviso, Milano, Parigi, Ginevra e Varsavia. Attualmente la società di Alessandro Benetton gestisce cinque fondi chiusi, sottoscritti da investitori internazionali istituzionali, per un patrimonio complessivo intorno a un miliardo e duecento milioni di euro. Dalla sua nascita ha completato ottanta investimenti, focalizzati in particolare su aziende di medi dimensioni, tra i 50 e i 200 milioni di valore ciascuna, dei più svariati settori, dalla manifattura, all’alimentare, dalla distribuzione commerciale a servizi, comunicazione, nuove tecnologie. Tra le operazioni più recenti, in Italia, l’ingresso a febbraio scorso nella Forno d’Asolo di Maser, tra i maggiori produttori di brioche e prodotti da forno e di pasticceria surgelati. O l’industria metalmeccanica lombarda Nadella o, ancora, la Farnese Vini, casa vinicola di Chieti, di cui ha rilevato il 50%. Ma il portafoglio di 21 Investimenti, comprende tra gli altri, la catena di negozi di scarpe PittaRosso (ex Pittarello), la rete di vendita di Gioielli Stroili Oro, oppure i cinema “The Space”, il principale circuito di multiplex italiano (anche se voci indicano una possibile vendita). E tra gli investimenti già conclusi si contano nomi come Gardaland, Sisal, Manutencoop, il celebre marchio di peluche Trudi, Tra gli azionisti figurano Edizione Holding (la finanziaria della dinastia Benetton) e partner di peso come Intesa San Paolo, Generali, Fininvest, Popolare di Vicenza. 21 Partner, rimane, però, la vera creatura di Alessandro Benetton, l’avventura imprenditoriale che forse sente più sua, a cui ha continuato a dedicarsi anche quando ha assunto responsabilità via via crescenti nel gruppo di famiglia.

FONTE: Il Gazzettino Treviso
AUTORE: –

L'articolo 21 Partners, il colosso di Alessandro Benetton da un miliardo e 200 milioni sembra essere il primo su TOP MANAGER ONLINE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 3 =