Gianpiero Strisciuglio (RFI) guida il progetto per il rinnovamento della stazione di Venezia Mestre

Gianpiero Strisciuglio

Un restyling atteso da quasi 40 anni: Gianpiero Strisciuglio, AD di RFI, ha annunciato l’ambizioso progetto che metterà la stazione di Venezia Mestre al pari di altri grandi snodi ferroviari quali Roma Termini e Milano Centrale. La stazione sarà dunque oggetto di un’imponente operazione di riqualificazione, volta a trasformarla in un centro multifunzionale in grado di offrire ogni forma di servizio e comfort ai viaggiatori, nonché in un polo attrattivo per la città di Venezia.

In seguito alla conclusione dell’iter autorizzativo, l’AD ha recentemente mostrato le specifiche del progetto nel corso di una presentazione che si è tenuta presso l’Hotel Laguna Palace a Mestre, avvalendosi di un dettagliato plastico e di un video-rendering. La stazione diventerà un edifico a tre piani, fornito di biglietterie, bar, ristoranti, negozi e uffici: un ponte a passerella, lungo circa 100 metri e alto 9, ricucirà la frattura urbanistica costituita dalla stazione ferroviaria permettendo a passeggeri e cittadini di spostarsi agevolmente tra Mestre e Marghera. Gianpiero Strisciuglio ha dichiarato a proposito: “Tra un paio di settimane pubblicheremo la gara d’appalto, nel gennaio 2025 avvieremo i lavori: il nuovo polo di infrastrutture riqualificherà l’area e ricucirà lo strappo che divide in due la terraferma”.

La riqualificazione sarà sostenuta da un imponente finanziamento da 100 milioni, che porterà inoltre la stazione a dotarsi di parcheggi, piste ciclabili e collegamenti tram e bus, agevolandone dunque l’accessibilità.

Il piano di rinnovamento è anche motivato dal fatto che, secondo le previsioni di RFI, la stazione di Venezia Mestre, già una delle più frequentate del Paese, vedrà un netto aumento del traffico entro il 2030. “Avremo 21 milioni di passeggeri, la maggior parte dei quali (18,1 milioni) sistematici e occasionali, non turisti”, ha sottolineato l’AD Gianpiero Strisciuglio.

L’esigenza di un rifacimento di Mestre era già molto sentita in Veneto da diversi decenni. Il Sindaco di Venezia Luigi Brugnaro aveva scelto proprio la riqualificazione della stazione come argomento della sua tesi di laurea in Architettura. Tanto il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia quanto Gianpiero Strisciuglio hanno concordato nell’attribuire agli sforzi di Brugnaro una grande parte di merito nel rendere possibile l’ambizioso progetto.

 

Per maggiori informazioni:

https://corrieredelveneto.corriere.it/notizie/venezia-mestre/cronaca/24_febbraio_15/mestre-la-stazione-del-futuro-con-piastra-sui-binari-e-un-colosso-dei-servizi-come-milano-e831cfd1-e070-45e7-8b8c-5114fa12exlk.shtml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *