F2i acquisisce il controllo dello scalo di Olbia, Renato Ravanelli: “F2i a sostegno del potenziale di sviluppo aeroportuale del Nord della Sardegna”

F2i, il maggiore gestore indipendente italiano di fondi infrastrutturali, ha acquisito da Alisarda S.p.A. l’80% di Geasar S.p.A., società che gestisce l’Aeroporto Olbia Costa Smeralda. L’operazione pone le fondamenta per la creazione, insieme ad Alghero, di un grande polo aeroportuale nel Nord Sardegna, con un volume di 4,4 milioni di passeggeri (2019). “F2i, coerentemente alla sua missione, ha deciso di sostenere il potenziale di sviluppo aeroportuale del Nord della Sardegna nonostante l’attuale situazione di emergenza”, ha dichiarato in una nota l’Amministratore Delegato Renato Ravanelli, che ha posto l’accento sulla rilevanza dell’operazione anche nell’attuale contesto di crisi economica. “La crisi sanitaria ha duramente colpito tutto il settore a livello globale”, ha aggiunto, “con il traffico sostanzialmente azzerato nel periodo marzo-maggio 2020 ed ancora oggi fortemente ridimensionato”.
Al centro dell’acquisizione di F2i, l’aeroporto di Olbia è il secondo in Sardegna per numero di passeggeri, con circa 3 milioni di transiti avvenuti lo scorso anno, e rappresenta uno dei maggiori hub per l’aviazione generale (jet privati) a livello europeo. Nel corso dell’ultimo decennio ha registrato una crescita di passeggeri superiore a quella del mercato italiano, presentando tuttora importanti prospettive di sviluppo futuro. Non a caso, investimenti per oltre 120 milioni di euro sono previsti per l’espansione della capacità dei terminal e della pista. In un’ottica di ampliamento delle attività, tali investimenti mirano alla realizzazione di un’infrastruttura che svolga un ruolo da protagonista per il rilancio dell’economia di tutta la regione. “F2i ritiene che la Sardegna presenti tutte le caratteristiche per beneficiare di una ripresa relativamente più rapida, grazie in particolare al suo posizionamento di destinazione turistica esclusiva”, ha dichiarato Renato Ravanelli, che ha aggiunto: “Ci impegneremo, anche in questo difficile frangente, a sostenere l’attività dei nostri aeroporti a beneficio del sistema economico sardo e dei suoi cittadini”.
L’acquisizione, il cui perfezionamento resta condizionato alle autorizzazioni delle competenti, è condotta attraverso F2i Aeroporti 2, che detiene oggi il controllo di Sogeaal S.p.A. (71%), società di gestione dell’aeroporto di Alghero. Le Camere di Commercio di Sassari e di Nuoro e la Regione Sardegna rimarranno azioniste di Geasar (Olbia) con circa il 20% del capitale. La Regione Sardegna è già partner di F2i Aeroporti 2 in Sogeaal (Alghero) con una quota, diretta e indiretta, che si attesta al 29%. “Siamo lieti di avere accanto a noi in Olbia la Regione Sardegna, già nostro partner in Alghero, e le Camere di Commercio di Sassari e di Nuoro, così come la Fondazione Sardegna che ha condiviso con noi il progetto industriale”, ha concluso Renato Ravanelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − quindici =