ICS Maugeri S.p.A.: su Rai 1 per parlare della sindrome post-Covid

ICS Maugeri S.p.A.

Una condizione ancora poco conosciuta ma analizzata e studiata dalla ricerca scientifica è quella che gli specialisti definiscono long Covid. Si tratta di una sindrome che colpisce coloro che, nonostante due tamponi negativi al Coronavirus, continuano ad avere difficoltà fisiche che rendono complicate le attività quotidiane. Su tale problematica si è soffermata recentemente un’equipe di medici di ICS Maugeri S.p.A., ospite del programma “Oggi è un altro giorno” in onda su Rai 1.

“Il sintomo principale, trattandosi di una malattia che interessa in primo luogo l’apparato respiratorio, è la mancanza di fiato, la dispnea”, spiega Bruno Balbi, Primario di Pneumologia Riabilitativa presso IRCCS Maugeri di Veruno, il quale sottolinea inoltre come tale sindrome post-Covid possa rendere difficile “anche svolgere attività assolutamente banali e quotidiane, come alzarsi da una sedia, fare qualche passo, andare in bagno e curare la propria igiene personale”. Una condizione quindi che non permette di sentirsi pienamente guariti dopo il Covid-19 e che rende difficile riprendere con normalità le attività giornaliere della vita. Questo, come illustrato dal Primario Bruno Balbi, si deve al fatto che “il Covid purtroppo ha la caratteristica di interessare un po’ tutto l’organismo, per cui altri organi, apparati e funzioni del nostro corpo possono essere colpiti”.

Anche per questo motivo ICS Maugeri S.p.A., presente a livello nazionale con Istituti Scientifici, Unità di Riabilitazione e Centri di Ricerca e Prevenzione, è fortemente impegnata nel campo della Medicina riabilitativa e delle cure correlate, e include tra le proprie attività anche quelle relative alla riabilitazione post-Covid. Attività che, come evidenziato dall’equipe intervistata su Rai 1, ha interessato gran parte dei pazienti ricoverati negli Istituti ICS Maugeri S.p.A. “Dall’inizio della pandemia abbiamo avuto circa 1100 pazienti ricoverati”, segnala il Dottor Stefano Corna dell’IRCCS Maugeri di Veruno: “Di questi solo il 30% sono stati dimessi direttamente dall’area per acuti. Tutti gli altri hanno avuto bisogno di un periodo anche prolungato di riabilitazione”. Emerge così per molti pazienti il bisogno di effettuare un periodo più o meno prolungato di riabilitazione successiva al Covid-19, affinché si possa tornare a svolgere in autonomia le attività quotidiane più essenziali.

Per visualizzare l’intervista completa:

https://www.raiplay.it/video/2021/03/Oggi-e-un-altro-giorno-128379a2-ee91-4639-bea3-031f928a1a15.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × tre =