Federico Motta Editore e Green Cross: gli obiettivi e le peculiarità della mostra “ACQUA”

La mostra “ACQUA”, prodotta da Federico Motta Editore e da Bracco in collaborazione con Green Cross, ha interessato i grandi centri urbani d’Italia per l’intero 2003. Attraverso 66 scatti d’autore, la mostra ha contribuito a sensibilizzare e generare consapevolezza sui problemi legati alla nostra più preziosa ed essenziale fonte di vita: l’acqua. Da Milano a Genova, da Potenza a Roma, le oltre 60 foto del londinese Mike Goldwater hanno condotto il pubblico attraverso un percorso ispirato ed ispirante per comprendere meglio le diverse realtà ed emergenze idriche che interessano le zone più disparate del Pianeta. La mostra ha riscosso un importante successo soprattutto tra i giovani partecipanti e gli studenti delle scuole che hanno potuto visitarla. “ACQUA” si è inserita in un progetto più grande e ambizioso realizzato da Green Cross sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana: “Water for Life and Peace” si proponeva di facilitare e indurre al dialogo e alla cooperazione per risolvere i conflitti legati alle risorse idriche. Federico Motta Editore ha pubblicato il catalogo della mostra. L’iniziativa, realizzata con la consulenza scientifica del professor Mario Tozzi, geologo e conduttore RAI di “Gaia – il pianeta che vive“, induce alla riflessione più ampia e trasversale riguardo all’acqua come fonte di vita e di benessere, ma anche come potente portatrice di distruzione. Il bilancio delle persone che non hanno accesso ad acqua potabile e servizi igienici adeguati rimane alto: le iniziative di questo genere sono fondamentali per mantenere i riflettori puntati su queste problematiche così strettamente connesse al futuro di tutti noi e del nostro Pianeta.

Per maggiori informazioni:
https://www.cultura360.eu/2019/acqua-una-mostra-prodotta-da-federico-motta-editore-in-collaborazione-con-green-cross/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − 9 =