L’intraprendenza dei giovani come fonte inestimabile di creatività: Alessandro Benetton intervista Sammy Basso

Oggi provo l’emozione tipica di quando incontro delle persone che rappresentano per me un punto di riferimento intellettuale“: Alessandro Benetton introduce così l’intervista a Sammy Basso, ventitreenne italiano affetto da progeria. Il dialogo tra l’imprenditore e il giovane ricercatore e fondatore dell’Associazione Italiana Progeria è al centro del nuovo episodio di #21ChangeMakers, video-rubrica dedicata all’interazione tra il fondatore di 21 Invest e altre personalità di successo, esempi di cambiamento e innovazione.
Realizzare questo #21ChangeMakers con Sammy Basso mi ha dato tanto: sorrisi, emozioni, e un rinnovato ottimismo verso il futuro“, ha commentato l’imprenditore trevigiano.
La passione di Sammy Basso per la scienza parte dalla diagnosi della malattia: da sempre la sua condizione l’ha spinto a viaggiare, a studiare e a partecipare attivamente alla ricerca. Grazie al suo contributo, nel 2003 è stato scoperto il gene che provoca la progeria, un successo che è arrivato con ben 17 anni di anticipo rispetto alle previsioni e che si è rivelato importante anche per la cura e la comprensione di altre malattie.
Quasi ogni aspetto della vita ha un lato positivo e un lato negativo. Per vivere bene è meglio considerare quelli positivi. Spesso la felicità è anche una questione di buona volontà“: è il messaggio di Sammy Basso, pienamente condiviso da Alessandro Benetton che ha sottolineato come troppo di frequente il “non dare abbastanza credibilità ai giovani è un grande errore: la fonte della creatività viene proprio da loro“. La forza d’animo e la passione per la scienza che muovono Sammy Basso si sono rivelate ingredienti fondamentali per l’indagine scientifica. “Quando io e la mia famiglia abbiamo deciso di iniziare a fare ricerca ci hanno detto che eravamo i più grandi incoscienti al mondo“, ma proprio da questa iniziativa coraggiosa è scaturito un grande successo: “Abbiamo bruciato le tappe“.
La video intervista si conclude con una riflessione sulla religione e sull’importanza dei valori francescani nella filosofia di vita di Sammy Basso: “Potrei dire qualsiasi cosa di me, ma se non parlassi della mia fede è come se non avessi detto niente“.

Per visualizzare l’intervista completa:
https://www.youtube.com/watch?v=xrUotT_3nTM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici − 6 =