David Barzazi: crescita del fotovoltaico in Italia, +11%

David Barzazi, tramite Gruppo Green Power, si fa portavoce dell'efficientamento energetico per la tutela delle risorse della Terra e per il benessere delle generazioni future. La società di Mirano, sin dalle origini, punta sulle fonti rinnovabili come arma vincente per combattere il cambiamento climatico. Tra le soluzioni migliori vi è l'impianto fotovoltaico e l'Italia può sorridere di fronte alle statistiche: grazie a una produzione di 2.305 GWh, nel mese di maggio il fotovoltaico ha coperto il 9,1% della domanda complessiva di energia elettrica in Italia (25.192 GWh), secondo quanto riporta Terna, il gestore della rete elettrica nazionale che avrà un ruolo centrale nel percorso di decarbonizzazione. I dati riferiscono che nei primi cinque mesi dell'anno, il solare ha generato 9.609 GWh, con una crescita dell'11% rispetto agli 8.634 GWh prodotti nello stesso periodo del 2018, andando a coprire il 7,4% della domanda elettrica nazionale. Nello specifico, Gruppo Green Power, guidato dai fratelli Christian e David Barzazi, mette a disposizione di nuclei familiari impianti servizi integrati di efficienza energetica tra cui impianti fotovoltaici di alta qualità, ma a basso impatto ambientale per la produzione di energia elettrica. La tecnologia fotovoltaica trasforma direttamente l'energia solare in energia elettrica, sfruttando le proprietà del silicio, un elemento semiconduttore ampiamente utilizzato in tutti i dispositivi elettronici. Installare un impianto fotovoltaico nella propria abitazione rappresenta un investimento redditizio. Tradotto in termini economici: l'energia prodotta da un impianto fotovoltaico sul tetto di una casa genera ricavi superiori ai costi necessari per installarlo e mantenerlo e ci sono ripercussioni positive sul fronte ambientale. Pertanto è bene investire in sostenibilità, che rappresenta la dimensione del futuro.

Fonte David Barzazi: crescita del fotovoltaico in Italia, +11% su Economia e Finanza Notizie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × quattro =