Giovanni Lo Storto apre il CEO Meeting Elis: incontro tra gli AD per ripartire e orientarsi in un mondo nuovo

“Una Bussola per orientarsi nel Nuovo Mondo. Un Timone per non perdere la rotta”: questo il titolo del CEO meeting del Consorzio ELIS tenutosi il 13 aprile presso la Luiss Business School di Roma e aperto dal Direttore Generale della Luiss Giovanni Lo Storto.
L’evento ha avuto come obiettivo di contribuire a sviluppare una società in grado di affrontare questioni quali la povertà educativa, la disuguaglianza, la dignità del lavoro e la sostenibilità ambientale.
Durante la prima parte dell’incontro i CEO delle grandi aziende del Consorzio ELIS hanno condiviso le proprie esperienze; successivamente 30 Amministratori Delegati si sono confrontati sulle sfide future e infine l’attenzione è stata focalizzata sulla trasformazione della scuola per trattate anche i temi della disuguaglianza.
Il meeting è stato inoltre l’occasione per presentare il progetto Semestre Smart Alliance: 300 pionieri dell’innovazione, 5 sedi e 6 mesi di sperimentazione con l’obiettivo di testare uffici a chilometro zero, dotati di nuove tecnologie e prenotabili tramite un’App dedicata dove poter incontrare colleghi e condividere spazi di lavoro diffusi nella propria area geografica. Le nuove Palestre Relazionali partiranno il prossimo ottobre a Milano, Roma, Napoli, Trapani e Catania.
“Stiamo tracciando una rotta insieme ai CEO delle grandi aziende del Consorzio ELIS”, ha spiegato Pietro Cum, Amministratore Delegato di ELIS. “Vogliamo favorire un dialogo ampio e costante, che orienti la responsabilità delle imprese verso la comunità e le persone. I Semestri di Presidenza si susseguono con obiettivi distinti, ma uniti dalla volontà d’investire sulla creazione di valore sociale. Questa è la rotta, a noi tutti la responsabilità di seguirla”.
Nell’ultimo anno le abitudini di lavoratori, studenti e docenti sono cambiate radicalmente e come sostiene Giovanni Lo Storto, in un’epoca di trasformazioni c’è il pericolo che oltre allo sviluppo di nuove opportunità, ci sia un incremento delle disuguaglianze.
All’evento ha partecipato anche Fabiana Dadone, Ministro per le politiche giovanili, che ha incoraggiato le imprese a investire sui giovani: “I ragazzi dai 14 ai 35 anni rappresentano un patrimonio grandissimo”. “Chiedono orientamento e una didattica diversa. Non si tratta solo di dare un’edilizia scolastica decorosa, ma anche di formare chi lavora all’interno delle scuole per essere al passo con i tempi”, ha poi aggiunto.
“Orientarsi vuol dire conoscere quello che ci piace per verificare dove andare ad approfondirlo: per questo bisogna iniziare molto presto, con i bambini – è intervenuto Giovanni Lo Storto – Dobbiamo concentrarci sulla libertà di apprendimento”. “I mestieri che faranno i bambini di oggi sono lavori che loro stessi inventeranno, solo se noi adulti non li rallenteremo”, ha concluso.

Per maggiori informazioni:
https://www.askanews.it/video/2021/04/15/dagli-ad-delle-grandi-imprese-una-bussola-per-ripartire-20210415_video_13543548/

Fonte: Giovanni Lo Storto apre il CEO Meeting Elis: incontro tra gli AD per ripartire e orientarsi in un mondo nuovo su TOP MANAGER ONLINE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci + 9 =