Il libro “Non è la prima volta… Epidemie e pandemie. Storie, leggende e immagini” disponibile gratis sul sito dell’Almo Collegio Borromeo

Non è la prima volta… Epidemie e pandemie. Storie, leggende e immagini” è il titolo di un’opera scritta a quattro mani da Renzo Dionigi e Filippo Maria Ferro e che coniuga scienza e medicina con una sistematica cultura storica e artistica. Questo perché unisce le competenze di Dionigi, che è stato Rettore dell’Università dell’Insubria, dove attualmente riveste il ruolo di professore emerito di chirurgia generale, e ha all’attivo oltre 18 mila interventi chirurgici e più di 700 pubblicazioni scientifiche, e di Ferro, neurologo, psicopatologo e uno dei maggiori esperti italiani di psichiatria, nonché ex alunno dell’Almo Collegio Borromeo.
In questi giorni dominati dal caos dell’inquietudine, dell’incertezza e dell’isolamento quotidiano che il virus impone a tutti, il libro propone una lettura e una visione intelligente del “morbo” nelle sue varie sfaccettature, come compagno di strada tanto terribile quanto “creativo”, come condizione ciclica del vivere umano, che da secoli, nello sconvolgerne i ritmi e le abitudini di vita, sfida e mette a contatto singoli individui e intere popolazioni“, così recita la prefazione scritta da Alberto Lolli, Rettore dell’Almo Collegio Borromeo. Il libro è inoltre supportato da numerose e preziosissime immagini di carattere iconografico, che presentano i fenomeni di peste, tifo, lebbra, malaria e vaiolo succedutisi nel corso dei secoli e che sono opera di grandi artisti come Carracci, Tiepolo, Sanzio e Crespi. Completano l’iconografia Cesare Nebbia e Federico Zuccari, i quali hanno anche realizzato all’inizio del XVII secolo alcuni affreschi “a tema” tuttora visibili nel grande salone d’onore dell’ala orientale del Collegio.

Il libro è edito da Franco Orsi, ma si può sfogliare gratis al seguente link:

http://www.collegioborromeo.it/it/nonelaprimavolta/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 5 =